Collaborazioni e Iniziative

Ospiti Anno Accademico 2007 2008

Right Here, Right Now – Network Academy
Conferenze di Media Culture sugli Artwork nell’Epoca Digitale

Il progetto della Scuola di Media Design & Arti Multimediali Right Here Right Now – Network contemporanei nella cultura digitale è inteso come offerta integrativa alla didattica del triennio. Questi incontri perseguono un doppio obiettivo, certificare la conoscenza attraverso l’incontro dal vivo in lezioni e dimostrazioni ex-cathedra gli artefici della New Media Art e del panorama storico, critico e metodologico dell’esperienza del Media Design e delle Arti Multimediali; e generare un network ad alto valore a disposizione degli stessi studenti, dei docenti e di tutti i ricercatori interessati. Nell’Anno Accademico 2007/2008 il programma di conferenze ha ospitato una selezione dei più noti studiosi ed esperti a livello internazionale della sperimentazione artistica legata ai nuovi media.

Protagonisti del ciclo di conferenze che si sono svolte nella sede dei Navigli a Milano nell’AA 0708 sono stati: Roy Ascott, Natasha Vita-More, Marcos Novak, Tatiana Bazzicchelli, Jens Hauser, Donatella Della Ratta, Roger Malina…

L’Artwork come strumento intenzionale è il motivo conduttore di questa serie di conferenze. Un oggetto che rimanda alle tendenze delle espressioni artistiche contemporanee influenzate dallo sviluppo dei nuovi media digitali. Le trasformazioni nell’ambito della pedagogia della pratica artistica hanno fatto si che in pochi anni siano nati centri specializzati per studiare, progettare, discutere, teorizzare nuovi artwork e prodotti legati allo sviluppo dei media, centri didattici come la Hochschule Karlsruhe, la Kunsthochschule fur Medien Koln, la Zurcher Hochschule der Kunste, la Angewandte Universitat Wien, e il Massachusets Institute of Technology di Boston, il McLuhan Program in Culture & Technology University of Toronto. Contemporaneamente sono state create sezioni specifiche all’interno dei musei di arte contemporanea, e festival capaci di sostenere le esperienze internazionali specifiche dell’audiovisivo come il Sundance Film Festival e l’IDFA di Amsterdam, maggiormente orientate verso le new Media Art come Ars Electronica Linz, Isea, Siggraph, e grandi mostre periodiche come la stessa Ars Electronica.

Il titolo introduce la questione della network academy che, nell’era digitale, trasforma il concetto di dispositivo didattico, il concetto di fruizione-elaborazione estetica da parte dell’osservatore critico, il ruolo delle discipline di elaborazione dell’estetica e degli autori che le producono. I nuovi concetti e le nuove opere d’arte del XXI secolo nascono da processi collaborativi e connettivi, sono il prodotto dell’immaterialità del codice, dell’isomorfismo digitale, dell’ubiquità, nascono nuovi spazi pubblici come la rete e i flussi di comunicazione. Questi nuovi concetti e queste nuove opere incontrano la filosofia, la ricerca scientifica e tecnologica che hanno bisogno di nuove sistemi di presentazione e archiviazione e di nuovi sistemi di pensiero.

Protagonisti del ciclo di conferenze per l’Anno Accademico 2008/2009 saranno: Geert Lovink, Edward Shanken, Laura Beloff, Stefano Coletto, (programma che è ancora da completare)….

Researching The Future

RTF è il simposio che il Programma di Ricerca M-Node organizza per fare il punto sulla situazione delle New Media Art. Il simposio è un’occasione molto importante per gli studenti della Laurea Triennale di venire a conoscenza di nuove idee, concetti e artwork delle media cultures. Un convegno sul futuro dell’arte, delle tecnologie e della coscienza: oggi si affaccia un nuovo paradigma culturale:Techné e Arte uniti per un nuovo sapere, per una nuova mente che sta generando nuove realtà e nuove definizioni della vita e dell’identità umana. La definizione estetica del suddetto paradigma tecnologico contemporaneo è tech-noetica, cioè una fusione di che cosa conosciamo e possiamo ancora indagare sulla coscienza (noetikos) con ciò che possiamo fare e finalmente realizzeremo attraverso la tecnologia.

Keywords. Moistmedia, Arte Telematica, Audio Art, Computer Art, Digital Art, Arte Elettronica, Arte Generativa, Artivismo, Hacker Art, Arte Interattiva, Internet Art, Media Technology Art, Performance Art, Robotic Art, Software Art, Sound Art, Video Arte, Video Game Art, Cybernation, Technoetics, Enteogenesi, BioArte, DnaArt, Semilife …

  • Researching the Future 2006 – NABA, Aula Magna
  • Researching the Future 2007 – Centro per l’Arte Contemporanea Pecci di Prato il 7-8-9 Dicembre 2007 – “Futuro e ricerca: Arte, Tecnologia, Coscienza – Scenari dell’arte technoetica” congresso di ricerca
  • Researching the Future 2008 – NABA ottobre
  • Researching the Future 2009 –

New Media Art Education & Research

Simposio sulla Pedagogia e sulle pratiche creative, progettuali e metodologiche sull’Arte e le culture dei Media. Invita e aggrega artisti di New Media Art, docenti delle Accademie e delle maggiori Università italiane e internazionali. Obiettivo del Simposio New Media Art Education & Research e’ la ricerca, documentazione e promozione dell’arte e le culture delle nuove forme di creazione artistica delle arti telematiche, la discussione dei nuovi linguaggi e una riflessione generale sull’estetica dei nuovi media. Uno dei principali scopi del simposio e’ fornire informazioni e documentazione del lavoro svolto dai principali soggetti che operano nella pedagogia degli orizzonti specifici alle New Media Art.

  • NEW MEDIA EDUCATION & RESEARCH 2008 – Centro Internazionale Fotografia Forma – Dalla prassi artistica a una metodologia critica
  • NEW MEDIA EDUCATION & RESEARCH 2009 – NABA – L’Istituzione Didattica come Dispositivo Politico

Vedi: M-Node

Nabawood

Festival interno ma aperto a tutti per la presentazione dei lavori sviluppati all’interno della Scuola di Media Design e arti Multimediali della NABA. Si tiene in ottobre e seleziona i lavori degli studenti e di chi li invia sottoponendoli al giudizio di una giuria di esperti, critici, pensatori e artisti.

  • NABAWOOD 2005: giuria: Fabio Carlini (It), Eros Gioetto (It), Maresa Lippolis (It)
  • NABAWOOD 2006: giuria: Toni Thorinbert (It), Mimmo Lombezzi (It), Antonio Somaini (It)
  • NABAWOOD 2007: giuria: Franco Bolelli (It), Lorenza Pignatti (It), Andrea Bruciati (It)
  • NABAWOOD 2008: giuria: Natacha Roussel (fr) artista, Franco Marineo (it) Critico cinematografico, Alina Marazzi (it) regista

Vedi: Nabawood

Selezioni, Premi e Riconoscimenti

La Scuola di Media Design & Arti Multimediali partecipa a concorsi, festival, selezioni, riscuotendo un ottimo successo, dato dai vari premi vinti dalle produzioni ideate, progettate, sviluppate all’interno dei laboratori media dell’istituzione. La partecipazione a festival e concorsi è ritenuta necessaria per permettere allo studente di inserirsi in un network internazionale di certificazione della qualità tecnica e poetica dei lavori.

Laboratori di ricerca

La scuola di Media Design & Arti Multimediali attraverso il suo network di docenti ha sviluppato laboratori di ricerca con:

  • Camera di Commercio di Milano – Progetto Ipercubo dell’Innovazione – Innovation Hyperboot (2007)
  • H3G – Contents/Devices (2007-2008)
  • C6Tv – New Format (2008)
  • Endemol/Yaky – New Format (2008)

Contest & Pitching

La scuola di Media Design & Arti Multimediali finalizza alcuni percorsi didattici a Contest & Pitching realizzati da strutture operanti nel mercato mettendo così in contatto il lavoro degli studenti di eccellenza con le nuove realtà delle professioni creative.

  • Partecipazione al Morethanzero Festival 2007

Produzioni speciali

La Scuola di Media Design & Arti Multimediali partecipa a produzioni e coproduzioni di opere ritenute degne e meritevoli di un interesse extradidattico. Questa operazione vuole cercare di creare un ambiente culturale vivo e altamente creativogenico dove far interagire gli studenti con le eccellenze del panorama dell’Audiovisivo e della New Media Art. L’operazione intende creare presso la Scuola di Media Design & Arti Multimediali un ambiente di valorizzazione delle risorse creative di eccellenza. La Scuola ha prodotto:

  • 2006 – Documentario Giancarlo Majorino 79/110: Documentario sul poeta-scrittore-critico Giancarlo Majorino: vedi trailer, documentario
  • 2007 – Sigla Palcoscenico Rai 2: vedi

Nel 2008 la Scuola di Media Design & Arti Multimediali ha messo a disposizione il MediaLab e ha coprodotto con Francesco Monico, che ha curato la produzione esecutiva, la nuova release del Documentario del 2005 “Il Grande Fardello” partecipando alla nuova versione 2008 arricchita di sigle, animazioni, sottotitoli in inglese, e musiche composte da Steve Piccolo dal titolo “The Big Bother”. L’opera non è attualmente visibile perché inviata ai festival internazionali e sarà presentata nel 2009.

Protocolli d’intesa

La scuola di Media Design & Arti Multimediali mediante protocollo d’intesa collabora con:

  • Museo di Scienze Naturali di Milano
  • Planetario Hulrico Hoepli
  • Acquario Civico di Milano
  • Network MANET (Media Art NET), network di accademie e istituzioni dell’alta formazione artistica italiana e fondazioni per lo sviluppo e la tutela della New Media Art. Membri 2008: NABA Scuola di Media Design & Arti Multimediali Milano, Fondazione Bevilacqua La Masa-Venezia, ISIA-Firenze, Accademia di Belle Arti di Carrara, Accademia di Belle Arti di Milano.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger cliccano Mi Piace per questo: