OtherehtO, New Media artist della Scuola di Media Design & Arti Multimediali, e stata/o selezionata/o da Milano in Digitale tra i 13 artisti del futuro

OtherehtO assidua frequentatrice della Scuola di Media Design & Arti Multimediali è stata selezionata fra i 13 artisti esposti a Milano in Digitale, Il 13 novembre presso lo spazio espositivo della Fabbrica del Vapore, ha inaugurato la mostra dei 13 vincitori della terza edizione di “Milano in Digitale”, concorso di new media art aperto ai giovani artisti dai 18 ai 35 anni. Il progetto “Milano in Digitale III“, di cui la mostra rappresenta la fase conclusiva, è realizzato con il Patrocinio e il Contributo dell’Assessorato al Tempo Libero del Comune di Milano, con il contributo della Camera di Commercio di Milano e il patrocinio della Regione Lombardia – Culture, Identità e Autonomie della Lombardia. A fine bando, la giuria ha esaminato i lavori dei partecipanti al concorso Milano in digitale III scegliendo 13 opere finaliste e dichiarandosi soddisfatta (…) per l’alto numero di lavori pervenuti, per l’impegno di tutti i partecipanti e per la qualità di molti dei loro lavori. La giuria registra anche con favore il fatto che, dalla prima edizione della competizione a oggi, sono cresciute le proposte che fanno riferimento alle effettive specificità dello strumento digitale (tanto off line quanto on line), come le installazioni interattive e le opere riferibili in qualche modo a un’arte di rete. La giuria ha perciò selezionato per l’esposizione i seguenti lavori, che a suo parere meglio di altri esprimono la capacità di individuare le potenzialità del digitale e di integrarle nel processo progettuale ed espressivo. (…)

OtherehtO è un avatar artistico che rappresenta la dissolvenza del nome personale/individuale a favore di un pseudonimo omni/niente comprensivo/connotativo. Un nome praticamente impronunciabile e inscrivibile che riflette una posizione socio-politica-artistica che testimonia il superamento di qualsiasi tipo di identificazione (nazionale/sessuale/ …), per una concezione di un io/noi diffuso sulla soglia tra presenza e assenza. Si sta facendo un nome nel mondo della giovane New Media art.

L’opera selezionata si intitola Flight Synep. Un progetto composto da due audiovisivi interattivi che rappresentano un confronto sensoriale dei due universi paralleli dello sviluppo tecnologico: L’umido mondo biotecnologico (Wetecho) VS l’asciutta realtà virtuale (Virtù-algorhythm).


About this entry