Staff e Docenti

Francesco Monico

Francesco MonicoDal 1996 insegna Teoria e Metodo dei Mass Media presso la NABA – Nuova Accademia di Belle Arti Milano, dove ha progettato la Scuola di Media Design & Arti Multimediali per cui ricopre la carica di direttore. E’ Senior Fellow del Programma McLuhan in Cultura e Tecnologia presso l’Università di Toronto (CA) e membro del gruppo di ricerca PHD CAiiA presso l’Università di Plymouth (UK), in Italia è Direttore del programma di ricerca PhD M-Node del Planetary-Collegium. Unisce all’attività di ricercatore di forme culturali e mediazioni tecnologiche l’attività di ricerca e sviluppo applicata ai Media e alle nuove tecnologie. Allievo di Derrick de Kerckhove e poi di Roy Ascott, esprime un’estetica in cui pratica artistica, esperienza didattica e produzione scientifica si fondono in un unico contesto di ricerca. Il suo pensiero si basa su una combinazione di scienza, arte, filosofia e saperi diversi che servono all’artista per riconoscere la natura paradossale del sapere e le contraddizioni inerenti alle epistemologie formali. La sua metodologia si sostanzia in un approccio sincretico tra teoria critica e prassi pragmatica che coincide con l’arte. E’ giornalista professionista e ha scritto per l’International Herald Tribune/Italy Daily, oggi collabora con Wired Italia. Wikipedia. wikiartpedia.

Amos Bianchi

bianchi2 Vice responsabile Scientifico della Scuola di Media Design & Arti Multimediali – Dottore in Filosofia Estetica, specializzato in Media Studies e Story-telling multimediale. Collabora con Francesco Monico dal 2000. Dal 2001 è assistente del corso di Teoria e Metodo dei Mass Media, attualmente è Docente di Metodologia della Ricerca presso il Triennio di MD&AM della NABA, istituzione per cui ricopre anche l’incarico di Responsabile Didattica Post Graduate. E’ Ricercatore PhD presso l’M-Node del Planetary Collegium.

.

Antonella Cirigliano

Coordinatrice

Maresa Lippolis

Responsabile Media Lab – E’ dottore in Lettere Moderne con Indirizzo artistico con una tesi su “Temi e forme del cinema postmoderno”. Ha studiato montaggio presso la Scuola Civica di Cinema di Milano e ha collaborato per diverse produzioni di documentari. Di recente ha lavorato come assistente al montaggio per il documentario di Alina Marazzi, “Vogliamo anche le rose”. Lavora stabilmente con Alex Majoli per tutte le realizzazioni e gli allestimenti video delle sue mostre. Collabora con giovani registi e videoartisti.

Pier Luigi Capucci

pierluigicapucci Titolare di Cattedra di Teoria delle Arti Multimediali. Fra i nomi più noti a livello internazionale sugli studi sulle New Media art e sull’arte e tecnologie in genere. Si occupa sin dai primi anni Ottanta di tecnologie di comunicazione e delle relazioni tra forme artistiche, scienze e tecnologie. Fondatore e direttore di Noema, uno dei più importanti e-magazine sull’arte e le tecnologie. La sua attività teorica riguarda i linguaggi, le tecniche e le tecnologie di rappresentazione, nella comunicazione e nell’arte, e le forme espressive tecno-scientifiche. Svolge inoltre attività di ricerca e consulenza per enti pubblici e società private ed è iscritto all’Ordine dei Giornalisti. E’ Supervisor di ricerca del programma PhD M-Node del Planetary Collegium.

Antonio Caronia

caronia1 Professore di Estetica della Comunicazione. Uno degli studiosi più originali e attenti dei fenomeni che riguardano l’impatto sociale e culturale delle nuove tecnologie. Dottore in matematica, con una tesi su Noam Chomsky. E’ studioso di scienze, tecnologia, letteratura e comunicazioni. Studia le trasformazioni che stanno subendo i mezzi di comunicazione, e della possibilità che, contestualmente all’affermazione di nuovi sistemi di comunicazione, si stia avviando una fase nuova della storia dell’umanità. E’ particolarmente interessato alle modalità d’impiego delle nuove tecnologie di informazione e di comunicazione nell’arte e nella società. E’ Direttore di ricerca del programma PhD M-Node del Planetary Collegium. Wikiartpedia

Derrick de Kerckhove

derrick_de_kerckhove Visiting Professor di Sociologia della New Media art. Ha ricevuto il suo PhD , in Lingua e Letteratura Francese dall’Università di Toronto nel 1975 ed un dottorato del terzo ciclo in Sociologia dell’Arte dall’Università di Tours (Francia) nel 1979. È stato un associato del Centro per la Cultura e la Tecnologia dal 1972 ed ha lavorato con Marshall McLuhan per oltre 10 anni come traduttore, assistente e co-autore. Oggi è il Direttore del Programma McLuhan in Cultura e Tecnologia dell’Università di Toronto. E’ uno dei massimi esperti internazionali di teorie media, ha proposto il concetto di Brainframes e il concetto di Intelligenza Connettiva, mirando alla connessione delle intelligenze quale approccio ed incontro sinergico dei singoli soggetti per il raggiungimento di un obiettivo. La connettività aggiunge l’unità frammentata delle potenzialità degli elementi della rete. Non soltanto, quindi, la comunicabilità dei singoli elementi quale caratteristica fondamentale del nuovo medium, ma la possibiltà offerta per la azione/creazione di un oggetto multimediale, un artefatto cognitivo. E’ Supervisor di ricerca del programma PhD M-Node del Planetary Collegium.

Martino Giudici

image001 Titolare della cattedra di Storia e Teoria dei Nuovi Media. Martino Giudici nasce Milano nel 1968. Nel 1999 consegue la laurea in Filosofia con una tesi sul rapporto pensiero-linguaggio nella psicologia evolutiva di L.S.Vygostskij, e nel 2000 il diploma di master universitario di primo livello in Informatica e Comunicazione per le Scienze Umanistiche. Lavora nel settore Internet e New Media da più di 10 anni. Nel 2002 comincia l’attività di docenza presso NABA. Attualmente è Amministratore Unico di una web agency e svolge consulenze per diverse aziende.

Paolo Agosta

p_agosta1Nel 2000 firma un contratto discografico da artista solista con Massive Arts e nel 2002 come autore e compositore per Sony Publishing. Nel 2002 vince il concorso “Saturday Night Live”.
Tra il 2002 e il 2005 produce gingle e colonne sonore per spot e Web tra cui Philip Morris e Inegy. Nel 2004 viene pubblicato il suo primo Album da cantautore solista per Massive Arts e Sony Music. Tra il 2004 e il 2005 apre uno studio di registrazione Bunker Studio e di montaggio video D.E.A. Production a Milano. Nel 2005 scopre Virginio, studente NABA, e lo produce insieme a Massive Arts. A cavallo tra 2005 e 2006 partecipano al Festival di San Remo con il brano “Davvero”. Tra il 2006 e il 2008 lavora alla produzione di un brano dei D.O.C. “Controllo” per BMG che vince il concorso per band emergenti su ALL MUSIC. Nel 2007 produce l’Album di TAO artista più conosciuto nell’underground, pubblicato dall’etichetta (Indie) Poci One con la collaborazione di Alberto Fortis nel brano “Spirito del Rock”. Nel 2008 produce l’Album di altri esordienti Dal 2006 ad oggi lavora come docente al corso di Sound Design tenendo un modulo nel corso di Steve Piccolo presso la Scuola di Media Design & Arti Multimediali NABA

Francesco Alinovi

Andrea Babich

Massimo Banzi

banzi1 Docente di Media Interaction Design. E’ stato CTO dell’incubatore Seat Ventures ed ha lavorato per molti anni come software architect,sia a Milano che Londra, su progetti per clienti come Italia Online, Sapient, Labour Party, BT, MCI WorldCom, SmithKlineBeecham, Storagetek, BSkyB e boo.com. per 4 anni professore associato all’Interaction Design Institute di Ivrea. Oltre ad Ivrea ha insegnato presso istituzioni come: CIID – Copenhagen, Architectural Association – London, Central Saint Martin – London, Bartlett – London, Hyperwerk Basel, Hochschule für Gestaltung und Kunst Basel, Hochschule für Gestaltung Schwäbisch Gmünd, FH Potsdam, Domus Academy, Medialab Madrid, Escola Superior de Disseny Barcelona, ARS Electronica Linz, Mediamatic Amsterdam, Doors of Perception Amsterdam. Ha fondato il progetto Arduino, primo esempio di successo nel campo dell’hardware open source

Fabio Bettonica

Andrea Borlo

Martin Cannas

Martin Cannas (Bolzano 1983) si laurea nel 2006 in Media Design presso la NABA (Nuova Accademia di Belle Arti – Milano) con 110 e lode. Regista del docudrama “Il Tempo del Mare” (trasmesso sull’emittente televisiva LA7), montatore del film “L’impresa”, compositing artist del cortometraggio in 3D “Vite Aerea” (in mostra presso il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano), animatore, modellatore, operatore, direttore della fotografia, graphic designer… di molti altri lavori consultabili su www.martincannas.com.
Attualmente lavora freelance come web designer, flash developer e usability expert. Dal 2007 è docente di Web Design presso la NABA.

Fabio Carlini

inter Titolare della cattedra di Drammaturgia Multimediale. E’ nato a La Spezia nel 1946. Per molti anni insegnante di ltaliano e Storia nelle scuole superiori ed ora esperto I.R.R.S.A.E., ha svolto contemporaneamente l’attività di critico cinematografico e sceneggiatore. Ha diretto una collana di monografie su registi e pubblicato, oltre a ritratti di Arthur Penn ed Alfred Hitchcock, studi sul cinema di fantascienza e la Nouvelle Vague collaborando a riviste (“Cinema & Film”, “Bianco e Nero”, “Vita e Pensiero”), quotidiani e mensili.

Jacopo de Michelis

E’ nato a Milano nel 1968 e vive attualmente a Venezia, dove è responsabile della narrativa di Marsilio Editori. E’ stato traduttore, curatore di antologie e consulente editoriale. Insegna narratologia presso la NABA (Nuova Accademia di Belle Arti) di Milano.

Elio de Ponti

Luca Deriu

Luca Deriu nasce a Mantova nel 1981, si laurea col massimo dei voti in Media Design alla Nuova Accademia di Belle Arti Milano, dopo essersi diplomato come perito meccanico capotecnico, come arredatore e dopo aver frequentato percussioni al Conservatorio. Attualmente vive a Milano, dirige il proprio studio, PlaySys specializzato in computergrafica e ricerca realtime per videogiochi. Dal 2007 detiene il corso di Machinima per il dipartimento di Media Design alla NABA; effettua consulenze teoriche e tecniche per la realizzazione dei portfoli personali degli studenti; è assistente per il corso di Web 2.0.

Alberto D’Ottavi

Alberto D'OttaviSi occupa di nuove tecnologie dal 1990. Ha lavorato in diverse riviste tecniche ed è stato direttore delle versioni italiane di ZDNet.com (gruppo CNet Network) e Computer Bild, quindicinale di Axel Springer AG. Dall’inizio del 2006 è attivo partecipante del Web 2.0 e della blogosfera italiana e internazionale tramite il suo blog professionale. Ha scritto diversi libri (vedi), tra cui il primo titolo europeo sul Web 2.0, che ha poi reso disponibile per il libero download in Creative Commons. Giornalista professionista, ha collaborato con diversi quotidiani, ma ora la maggior parte della sua attività giornalistica si svolge sulle varie piattaforme “social”. Sta inoltre sperimentando applicazioni di Mobile Internet. Altre informazioni si trovano qui. In NABA Media Design & Arti Multimediali è titolare del corso di Tecniche dei Nuovi Media Integrati e insegna Web 2.0 e Media Partecipativi, per il quale ha sviluppato un blog come supporto didattico. Nel 2008 ha portato NABA a partecipare al Nokia University Program, e il progetto si è classificato al terzo posto.

Alida Fanolli

Regista televisiva RAI dagli anni ’70, con grande esperienza nel settore dell’intrattenimento, sportivo e culturale. Regista e produttrice dal 2004 di Palcoscenico, palintesto RAI che si occupa di musica colta, poesia e prosa.

Eleonora Fiorani

e4156 Epistemologa e saggista, si occupa delle nuove scienze della complessità e di quelle dell’antropologia e della comunicazione e ha indagato gli oggetti, i materiali e le territorialità delle società postmoderne. Collabora a rivista e ha organizzato convegni e mostre su tematiche interdisciplinari. I suoi ultimi libri sono: Grammatica della comunicazione (3a ed. 2006), Il mondo degli oggetti (2001), La nuova condizione di vita (2003), Abitare il corpo (2004), Panorami del contemporaneo (2005), Moda, corpo, immaginario (2006), Diversamente il Novecento (2007).

Michel Fuzelier

Luca Galli

Consulente sui media e le tecnologie digitali, già Client Director presso Inferentia DNM, Milano. Nell’ambito dello stesso gruppo si è occupato di sviluppo commerciale, marketing strategico, consulenza e analisi di mercato, in qualità di responsabile di funzione e di numerosi progetti. Ha pubblicato diversi articoli e contributi sulle tematiche della convergenza, dell’impatto dei nuovi media sulla società e sull’evoluzione della televisione. E’ stato redattore di “Virtual”, mensile dedicato alla cultura digitale fondato nel 1993. Ha partecipato ad attività di formazione in ambiti quali l’analisi prospettica e di scenario, la gestione dei gruppi e dei progetti, la produzione multimediale. Si è laureato in Filosofia a Milano nel 1993.

Eros Gioetto

Dalle prime esperienze nel settore della produzione di audiovisivi, risalenti al 1982, nel decennio successivo collabora con le maggiori case di produzioni milanesi, concentrando nella produzione il maggiore impegno, come executive producer, e collaborando con sceneggiatori, registi e montatori. Mentre il quinquennio successivo il settore di intervento si concentra sulle agenzie pubblicitarie, col ruolo di produttore e di creativo, la produzione di audiovisivi per sfilate rappresenta il segno distintivo del biennio successivo. Dalla fine degli anni novanta lavora su tutti i campi sperimentati in precedenza.

Cristina Lai

cri-studioDal 1986 lavora per Mediaset in qualità di scenografa, ha firmato diversi progetti tra i quali Tempi Moderni, La Fabbrica del Sorriso, Le Iene, Matricole, Meteore, Provini, Panorama del Giorno, attualmente si occupa delle scene per il canale Premium Digitale sempre per Mediaset. Ha collaborato in qualità di assistente scenografa al film di Maurizio Nichetti, Volere Volare, (1990). Ha collaborato con Telecinco per le scenografie di tutti i programmi della fascia ragazzi (1993). Scenografa e art director per gli eventi del Gruppo Il Sole 24 ORE: Tuttorisparmio (nelle edizioni dal 1994 al 2005); Salone del libro di Francoforte; Smau 2001-2005; Salone del libro di Torino (2001-02-03); Assise di Confindustria (2001-02-03-04-05-06-07-08); Forex (2002-03-04-05); presentazione Radiocor Digital Solutions; Stock Rider (programmazione su 24ore.tv e web). Dal 2003 comincia l’attività di docente presso la Scuola di Media Design & Arti Multimediali Naba a Milano.

Marco Mancuso

Alina Marazzi

alina E’ la regista simbolo del nuovo corso dei documentari cinematografici a carattere sociale. Per due anni ha lavorato all’interno del progetto Fabrica sotto la direzione artistica di Godfrey Reggio. Si è segnalata all’attenzione della critica e del pubblico internazionale con il suo primo film documentario ‘Un’ora sola ti vorrei‘, un ritratto della madre morta suicida quando lei aveva sette anni, di cui cerca di ricostruire l’esistenza attraverso un montaggio di sequenze filmate dal nonno paterno. Il film riceve la menzione speciale della Giuria al festival di Locarno, e in seguito il premio per il miglior documentario al festival di Torino. Ha realizzato “Vogliamo anche le rose” con il quale intende «ripercorrere la storia delle donne dalla metà degli anni Sessanta fino alla fine dei Settanta e metterla in risonanza con il nostro presente conflittuale e contraddittorio». Successivamente ha realizzato un documentario spirituale sulla vita monastica: “Per sempre” (2005). E’ Docente di regia avanzata I.

Marianna Schivardi

marianna Regista dei nuovi documentari italiani. Ha realizzato “Il Grande fardello/The Big Bother” nel 2004, e nel 2008 “68 Bytes” selezionato al festival del cinema di Torino 2008. Ha realizzato diversi videoclip e collabora con le maggiori televisioni italiane. Dottore in storia moderna e contemporanea insegna Regia avanzata II.

Federico Salsano

salasnoh Diplomato Scuola del Cinema di Milano nel 1987. Inizia l’attività di direttore della fotografia nel 1992 a San Francisco, California città in cui risiede fino al 1996. Spazia indifferentemente tra vari tipi di produzione, quelle del video musicale e del documentario. In particolare “Weather Underground“, documentario di produzione americana, viene nominato all’Oscar nell’edizione 2004. Ultima produzione di un certo rilievo “Dall’altra parte della luna“, rockumentary presentato al Festival di Venezia nel 2007.

Claudio Muzza

Docente di Montaggio Avanzato – RAI Radiotelevisione Italiana – Centro di produzione di Milano – Montatore di Primo Livello – ha montato molte fra le più importanti trasmissioni televisive italiane, “Linea Verde”, montaggio e cura edizione, spettacolo teatrale “Totem” di Alessandro Baricco, speciale Museo Poldi Pezzoli, con “Lezioni di Design” vince il premio Compasso d’Oro per la miglior trasmissione televisiva, con il montaggio delle clips “Francamente me ne infischio” vince il premio internazionale ‘rosa d’oro’ di Montreaux. Montaggio dei contributi filmati per le rubrica “Italie”, “La Grande notte del Lunedi Sera”, “Quelli che il calcio”, “Due Per Tutti”, “La Bohème” ,”L’Eredità” e ” I ’60 a colori”. Per il Centro Formazione RAI , ha tenuto corsi di aggiornamento teorico – pratico sulle possibilità espressive del montaggio e di addestramento per I’utilizzo dell’unità di montaggio digitale AVID.

Roberto Marino

Impegnato nel mondo dell’arte della comunicazione visiva e nel design, Centro Uh, Archemodi, Studio Fronzoni, Alchimia. Fondatore della prima multimedia house Italiana, Newton, è Direttore Creativo di importanti progetti editoriali interattivi Italiani. E’ stato tra i fondatori del Centro UH! e ha partecipato alla realizzazione di tutte le performances del gruppo. Ha realizzato trasmissioni sperimentali della RAI e interventi di videoarte. La sua attività artistica è sempre stata caratterizzata da urgenze performative; le sue prime performance sono del 1973 (con alcune di queste partecipa alla X Quadriennale, Roma, 1975); presenta performance in Italia e all’ estero.Negli anni Ottanta, le sue performance assumono una dimensione più spettacolare e con il contributo critico di Francesca Alinovi e assieme ai gruppi emergenti della sperimentazione teatrale (Magazzini Criminali, Gaia Scienza, Falso Movimento ecc.), è impegnato in rassegne di Nuovo Teatro (Umitrofie, Milano, 1983; Sussurri o grida, movimenti nel nuovo teatro italiano, Milano, 1984; Ingaunil, Albenga, 1984; XIX Festival di Santarcangelo di Romagna, 1989).

Jacopo Martinoni

Otolab

Otolab nasce nel 2001 a Milano come gruppo di affinità di musicisti, dj,vj, videoartisti, web designer, grafici e architetti accumunati dalla necessità di dare uno sviluppo collettivo ai propri progetti. Il progetto Otolab si sviluppa attraverso il lavoro di laboratorio, i seminari e i workshop secondo i principi del mutuo confronto e sostegno nell’elaborazione dei progetti, della libera circolazione dei saperi, della ricerca e della sperimentazione tesa anche all’utilizzo alternativo delle macchine. La spinta oltre le soluzioni preconfezionate e il taglio minimale delle proposte sonore e visive caratterizzano la visione di Otolab che si esprime nelle performance e nelle produzioni. Otolab realizza i propri live progettando i suoni e le immagini, le luci e le ombre che guidano i nostri compagni di viaggio in un percorso esperienziale. Otolab cerca di fornire una strumentazione per esplorazioni interiori. Otolab è una organizzazione no-profit che vive grazie all’autofinanziamento e all’autoproduzione.

Steve Piccolo

Nato nel 1954 nel New Hampshire USA, scuola e università a New York (Bard College, New York University). Vive e lavora a Milano. Musicista e compositore di professione dal 1975. Co-fondatore del gruppo The Lounge Lizards (1979-1984). Collabora con il Politecnico di Milano, workshop a IUAV–Venezia e Latina, professore di progettazione sonora all’Accademia Carrara di Bergamo dal 2002. Anche un corso sulle nuove tecniche sonore per Università di Bergamo, 2005.

Lorenza Pignatti

Lorenza Pignatti collabora con La Repubblica, Il manifesto, Tema celeste, e altre testate. Ha insegnato all’Università di Urbino ed è docente del corso di Cultura visuale alla NABA di Milano e di Storia dell’arte contemporanea al Supsi di Lugano. Insieme a Franco “Bifo” Berardi e a Marco Magagnoli è curatrice del libro “Errore di sistema. Teoria e pratiche di Adbusters” pubblicato da Giangiacomo Feltrinelli Editori, Milano. Ha curato una rassegna cinematografica sul regista spagnolo Pere Portabella al Festival Internazionale del nuovo cinema di Pesaro. Insieme a Luca Mosso è curatrice del libro “Il volto e l’anima, il cinema di Kim Ki-duk”.
Vive e lavora a Milano e Bologna.

Pietro Puccio

Nato il 29 luglio del 1975 a Silkeborg in Danimarca, vive a Milano. Si diploma presso la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano nel 1998. Dal 1999 comincia a lavorare come free-lance in qualità di graphic designer e/o illustratore collaborando da esterno con diversi studi creativi. Inizia con lo studio Zampe Diverse, poi Opinion Leader, Lowe Pirella, Quei2, A&D Studio, Numero 20, Studio Agazzi, SPG. Ha realizzato illustrazioni e grafica per svariati clienti: La Repubblica, RCS Gazzetta dello Sport, Gambero Rosso, Bruno Mondadori, Frassinelli Editore, Principato Editore, Il Corbaccio Editore, Mattel, Vogue & Vanity Fair, Cadbury, Media World, Avis, Parole di Cotone. E’ attivo anche nel campo della pittura contemporanea con alle spalle diverse mostre e performances.

Andrew Quinn

Andrew Quinn has has worked in the field of computer graphics for over 20 years, specializing in 3d animation and effects. He has worked in special effects for cinema since 1996, working on films such as “The Matrix” (1999), “Tomb Raider” (2001), “Dark City” (1997), “Nirvana” (1996) and more recently “Andata Ritorno” (2004). Since 1993 he has been involved in multi screen sound and video installations for the Tamatete gallery in Rome where produced both graphics and 3d sound. He has worked on 2 films in the 360 degree planetarium format, full dome video. In 2004 he participated in the Artists in Labs programme in Switzerland where he produced sound and visuals for a 3 minute film which has since won an award at the 2005 domefest in the US. He is currently working on an interactive dance piece for AIEP in Milan. In the field of education, he has given 3d animation workshops at the Film Academie in Ludwigsberg in 1997. At the University of Cinema in Babelsberg (2004) and Università degli Studi di Milano (2003,2004) he has given classes in interactive graphics.

Marco Scotini

Marco Scotini vive e lavora tra Firenze a Milano. Critico d’arte e curatore indipendente è coordinatore della scuola di Arti Visive della NABA e direttore del biennio specialistico in Visual Arts and Curatorial Studies presso la stessa Accademia. Laureato in Estetica, è stato allievo di C.L.Ragghianti e membro della Fondazione Ragghianti di Lucca dal 1996 al 2003. E’ uno dei membri fondatori di Isola Art Center di Milano. Collabora con le riviste Flash Art, Artelier, Moscow Art Magazine, Work, Espacio e Millepiani . E’ curatore dell’Archivio Gianni Colombo di Milano. Tra le mostre che ha curato figurano: Le città della gente, Firenze, Beautiful Banners, PragueBiennale1, 2003; Revolutions Reloaded, Milano-Berlino, Empowerment, Genova, Producendo Realidad, Lucca, 2004; Accion Directa, Prague Biennale 2, Prague 2005; Disobedience, Berlino-Praga-Mexico D.F.- Barcelona 2005/2006; The People’s Choice, Milano, Cities from Below, Pisa, 2006-2007.
E’ co-curatore del ciclo di incontri internazionali sui modelli espositivi The Utopian Display.

Francesca Valsecchi



  1. [...] su media e tecnologie, ideatore di una neonata impresa di ecommerce su social network, docente di media design presso Naba, già giornalista scientifico e autore del primo libro sul web 2.0, ma, lui ci ricorda, [...]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: