Brandon Ballengée “MONSTRE SACRE'” //18th september – 14th november 2009//

Immagine 007

“Gli artisti possono svolgere un ruolo fondamentale nell’accrescere la soglia d’attenzione su temi di  difesa dell’ ecosistema attraverso  le loro opere..”
Brandon Ballengée intervistato nell’ultimo numero diANTENNAE.
In occasione di STARTmilano 09 Nowhere Gallery è lieta d’annunciare la prima personale italiana di Brandon Ballengée ( Hohio, Stati Uniti, 1974 ), esplorando  I confini tra arte, scienza e tecnologia, l’artista crea un serie di lavori partendo da informazioni raccolte direttamente sul campo e successivamente analizzate in laboratorio. Il suo censimento ( iniziato nel 1996 ) delle malformazioni e del lento e globale  declino  degli anfibi è un urlo di denuncia che non può e non deve lasciarci impassibili.
Attraverso una serie di stampe IRIS, ottenute da studi e ricerche di laboratorio sulle mutazioni, viene svelato al pubblico un universo di mostri che appaiono usciti da un film di fantascienza, veri e propri totem contemporanei della follia umana. Ogni stampa è unica dato che unica è la malformazione, ogni stampa è un’accusa alla nostra maniera di vivere.
Durante la mostra verrà proiettato il video MALAMP UK a testimonianza del lavoro svolto in questi anni da Ballengée.
In allegato CV e scheda biografica dell’artista.
A cura di Francesco Monico

“Gli artisti possono svolgere un ruolo fondamentale nell’accrescere la soglia d’attenzione su temi di  difesa dell’ ecosistema attraverso  le loro opere..” Brandon Ballengée intervistato nell’ultimo numero di ANTENNAE. In occasione di STARTmilano 09 Nowhere Gallery è lieta d’annunciare la prima personale italiana di Brandon Ballengée ( Hohio, Stati Uniti, 1974 ), esplorando  I confini tra arte, scienza e tecnologia, l’artista crea un serie di lavori partendo da informazioni raccolte direttamente sul campo e successivamente analizzate in laboratorio. Il suo censimento ( iniziato nel 1996 ) delle malformazioni e del lento e globale  declino  degli anfibi è un urlo di denuncia che non può e non deve lasciarci impassibili. Attraverso una serie di stampe IRIS, ottenute da studi e ricerche di laboratorio sulle mutazioni, viene svelato al pubblico un universo di mostri che appaiono usciti da un film di fantascienza, veri e propri totem contemporanei della follia umana. Ogni stampa è unica dato che unica è la malformazione, ogni stampa è un’accusa alla nostra maniera di vivere. Durante la mostra verrà proiettato il video MALAMP UK a testimonianza del lavoro svolto in questi anni da Ballengée.

A cura di Francesco Monico


About these ads

About this entry